Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Frequentando la scuola serale per diventare Estetista sapevo che avrei imparato moltissime cose, ma mai mi sarei aspettata un entusiasmo così in salita da parte mia! 

Sono molto contenta della mia scelta e in questo post vorrei condividere con voi cosa ho scoperto per poter prendermi maggiormente cura della mia pelle grassa. Probabilmente per tanti saranno consigli scontati e già sentiti, ma voglio comunque proporveli. Inoltre diverse di queste abitudini già le adottavo da un po’ di tempo, ma è stata per me una soddisfazione avere delle conferme, scoprire che ci avevo visto giusto grazie allo studio e alla documentazione!

È importante saper leggere la propria pelle da alcuni aspetti, ma parlarne diventerebbe sicuramente uno sproloquio che vi risparmio 😛 consiglio dunque di affidarvi alla vostra estetista di fiducia o ad un dermatologo.

Dunque mi rivolgo alle persone con il mio tipo di pelle partendo dalle cose più semplici, ovvero dagli errori più grossolani che senz’altro molti di noi commettono:

1) Non aggredite la pelle con agenti troppo lavanti. Il sebo della nostra pelle è una protezione naturale: di conseguenza, se togliamo sistematicamente questa secrezione del viso, sarà naturale un effetto contrario detto “rebound” (rimbalzo, risalita, ripresa) che causerà un’iper secrezione. Dunque non risolveremo il problema in questo modo, anzi! Lavarsi il viso 2, massimo 3 volte al giorno è sufficiente.

2) Scegliere dei prodotti adeguati al nostro tipo di pelle. Oltre a lavare meno frequentemente la nostra pelle, dovremmo farlo con prodotti adeguati. Io personalmente utilizzo un detergente delicato, lavante sì, ma che lasci la pelle ben soda ed idratata, non secca e con quell’effetto sgradevole di tensione che spesso si ottiene se lavata con saponi aggressivi. Ce ne sono di ottimi ed anche naturali in commercio, pratici da usare per la loro composizione. 

3) Dopo la detersione è fondamentale restituire alla pelle l’idratazione che le abbiamo in qualche modo “tolto”, oltre a restituirle il suo ph naturale: per questo scopo è importante utilizzare un tonico sebo-equilibrante e delicato, seguito da una crema che contenga ancora una volta principi attivi che equilibrino la secrezione di sebo, che abbia una formulazione leggera, delicata ed idratante. Dunque mai scegliere prodotti ricchi di burri ed oli, al 99% sono dedicati a persone con pelle secca, ipo-lipidica.

4) Una pelle grassa molto spesso se non la si tiene d’occhio a sufficienza risulterà anche impura: il sebo secreto in eccesso, unito a smog e polvere potrebbe occludere i pori, andando così a formare gli odiatissimi comèdoni o volgarmente chiamati “punti neri”. Potrà risultare incoerente, abbiamo detto che non dobbiamo sgrassare esageratamente la nostra pelle in superficie, però è importante trattarla con una pulizia più profonda ogni 3 mesi circa. La pulizia del viso eseguita dall’estetista sarà improntata ad offrire tutta una serie di trattamenti adatti alla nostra pelle, oltre a togliere la sporcizia dal viso e mantenerlo quindi più purificato. Senz’altro regalandosi questo trattamento con costanza i miglioramenti saranno piuttosto evidenti.

5) La pulizia del viso da sola però non basta: è buona abitudine continuare a tenere pulita in profondità la nostra pelle dandogli un aiutino direttamente a casa nostra. Uno scrub purificante fa al caso nostro, eseguito una volta alla settimana. Qui suggerisco come preparare con ingredienti semplici ed alla portata di tutti uno scrub efficace, adatto a pelli grasse e con un grosso spessore. Una pelle delicata e piuttosto sottile non sopporterebbe un’eccessiva esfoliazione! Oltre allo scrub possiamo di tanto in tanto procurarci metà limone e tamponarlo sul viso con movimenti circolari, ci aiuterà ad astringere i pori della pelle, normalmente aperti in una pelle grassa, dunque colpevoli anch’essi della fuoriuscita extra di sebo ed antiestetici.

6) Forse questo è il consiglio più importante. Nonostante le nostre caratteristiche siano spesso risultato di una serie di fattori che non dipendono da noi, per esempio fattori ormonali, c’è sicuramente un aspetto da non trascurare quando si ha un problema relativo alla propria pelle: l’alimentazione. Non è detto che questa sia la causa principale del vostro problema ed un dermatologo saprà senz’altro aiutarvi a scoprirla, ma se soffrite di pelle grassa dovrete sicuramente stare più attenti. A cosa? Ebbene, proprio ai cibi che apportano grosse quantità di grasso! Bevete tanto, mangiate tanta frutta e verdura, dunque cibi contenenti fibre, cereali integrali, non eccedere con cibi grassi o cucinati in modo elaborato, troppo saporiti, pesanti…oh che palle, la scoperta dell’acqua calda!…È vero, sembrerà scontato, ma le abitudini che tutti dovremmo avere ci aiutano sicuramente a migliorare l’aspetto della nostra pelle. Cibo più sano = pelle più sana! Inoltre è utile un test delle intolleranze per capire se i cibi di cui talvolta abusiamo un po’  possano causarci problemi.

Ho messo questi consigli in ordine di semplicità, ma pensandoci bene se volessimo giudicare l’importanza avrei proprio dovuto scriverli nell’ordine esattamente opposto. State dunque molto attenti: si parte dalle piccole cose, talvolta partire in quinta non aiuta se vogliamo raggiungere degli obiettivi, specie se siamo delle persone un po’ pigre, ma tenete presente che molto spesso i problemi di pelle partono “dall’interno” e se volete ottenere dei risultati dovrete di base seguire uno stile di vita che sia sano. Insomma, saranno inutili tutte le abitudini di cui vi ho parlato se vi rimpinzerete di patatine fritte ogni sera o non baderete alle più basilari regole d’igiene 😉

Sperando sia stato in qualche modo utile, Babi

Annunci